11.jpg12.jpg13.jpg14.jpg15.jpg16.jpg17.jpg18.jpg19.jpg20.jpg21.jpg22.jpg23.jpg24.jpg25.jpg26.jpg

Italiano

 

UMA GOCCIA DELLA TUA ANIMA

C’era una goccia della tua anima

in quel giorno della mia vita.

Sapevo dell’ombra sotto il sole

e delle stelle che non rimarebbero fra le dita.

E dei colori delle albe che trascinarebbero le parole

e delle buie nuvole del mio cielo personale.

E del bianco che sarebbe il colore del mio sogno

e del fuoco appena acceso che mi nutrirebbe il sangue

e di quel giallo cuore del fiore giallo.

Ma c’era una goccia della tua anima

e l’ossigeno del tuo respiro era luce.

Per sempre, nelle ali delle mie preghiere,

volerà la mia poesia incinta di te.

Anche se la speranza è agonia.

 

 

 

PROFONDITÀ DELLA LUNA NUOVA          

Ho ascoltato la voce di Dio          

quando lì, nascosta nel tuo petto, 

ho conosciuto il colore dell’acqua  

e sentito nell’ombra del mio corpo di donna                  

la semenza eletta, perfetta,         

che avrebbe di portarmi oltre il vento,               

oltre il porto di sabbia e luci aperte,                 

oltre l’infinito pazzo del tuo nome            

oltre le nuvoli vaganti                 

con i suoi baci senza freni. 

Era il secondo giorno         

 dell’immensità del tuo amore,                

 i piedi sconosciuti                      

e la pelle che si spandeva dentro di me,   

come rinascere prima di fare l’amore.                

(l’amore vero per la prima volta)             

dentro

prima di sentire il dolore               

della tenerezza d’esserci uno                 

come una mela nella fatalità degli spasimi,         

nella profondità della luna nuova             

quando attraversa il deserto che muore.                     

C’era qualcosa in me         

che domandava aiuto                  

ai suoni accostumati senza te                

dove rampollavano soltanto

i fiori gialli della mia realà    

e le ore verdi dei suicide.             

Ed è stato così                 

navigando nelle tue acque           

che ho perso il sonno                  

e la speranza di cose possibili.               

Perchè il fiore parlava                 

attraverso le tue labbra               

creando mille deliri                      

e canzoni alle ballene e ai polsi               

che celebrano sta grande opera.            

Tu                                                    

che mi hai insegnato a ascoltare Dio       

adesso mi porti in un viaggio impossibile            

nello spazio                                        

nel cuore della nostalgia.                                                            

                                              

 

INTANTO LA LUNA SALE

Amo                                                  

lo sguardo sonante                                        

che mi aspetta                                    

per ardere                                          

nella deserta piazza aperta ai venti

e ubriaco parla d’amore                         

e dorme                                             

acarezzando i miei sogni                       

e mi ama                                            

come si ama le cose impossibili.              

E mi parla                                                    

attraverso questo atlantico abisso:                  

mi senti?                                            

E grida nell’aria senza tuono                  

questa assenza di acque e parole.          

Amo                                                 

il vino che prendi con gusto         

e i piedi scalzi camminando per la casa              

cullando il canto degli uccelli                           

sui rami dell’eterno                     

mi donando il tuo sesso                                  

come in provocazione a Dio.         

Amo                                                  

le piccole ombre di montagna                          

e la luce che occupa tutto il mio cielo     

fragile, interno, come un sole che arde dentro    

prima di invadere la nostra intimità                   

attraverso lo spiraglio della parete improvvisata.          

Amo                                                  

quando mi vieni nelle notti                     

desnudando stelle                                                  

ostinado                                            

disegnando nel corpo                           

il movimento d’amore         

così come un raggio che cresce             

e si fa immenso                          

e mi stringe il seno/ cuore            

e mi ama, inquieto,           

fra batiti d’ali e sfide.                                              

Amo sto regno, segno, uomo.                

Mano che mi tiene curvata           

dall’innocenza al grido di vita.                

Dall’abbraccio al fuoco                

intanto la luna sale, sale... 

 

 
Copyright © 2009 Solange Maria Soccol. Todos os direitos reservados.
Proibido copiar ou reproduzir este material sem autorização.
Criação: Uniserra.Com