11.jpg12.jpg13.jpg14.jpg15.jpg16.jpg17.jpg18.jpg19.jpg20.jpg21.jpg22.jpg23.jpg24.jpg25.jpg26.jpg

Italiano

 

AMICO- Pioggia in punta di piedi.

La tua mettà ci cielo
mi ha trovato qui
fra  sentieri stretti
e polvera.
E ha conosciuto, anche,
questo universo fisso dentro me
  che  mi riporta ai luoghi
dove  mi hai fatto vedere
lo spazio aperto nascosto
dietro alle mie montagne.
La tua mettà di cielo
e l' immenso dentro i miei occhi
si sono approfondati
nel riflesso della vita
e ci hanno donato voci antiche
petali del tuo amore
e un arcobaleno dipinto
proprio nel fondo
dove l' alba ofusca la Sole.
E tu, amico, come signore della luce
e delle stanze chiuse,
mi hai preso per mano
(l' anima invasa di margherite)
e mi hai posato sul mare/confine
qualle nuvola che culla silenzio
e non può lascerare il sogno.
Un giorno
la tua mettà di cielo
e i miei autunni bambini
si guarderanno nello specchio
qualle immagine di tramonto
frabbricando stelle.
 

MI SON LA ME ÀNIMA

Scolto la ose del tempo che ciama...
Saràla bona de far sparir el dolor e tanti gropi?
Col sospiro sofegà, no son bona capir se el cuor se sgionfa o se svoda.
Me par che le ombre le se ga metesto come un cùcio intorno
e son gnanca bona saver se ze sera, matina o mesdì.
No so se le rose le se sfòia o se lì fora ghe ze foie
che qualchedun ze drio pestarghe dosso.
Mi, che savea el color de tute le staion, son drio meter via te la memoria
par dopo capir se ze un giorno de giugno o se ze stà un spin che me ga spissigà.
Sì... Meto via, un pochetin a la volta come un archivio rento mi.
Prima el to soriso e le to man.
Dopo, el color de tuti i giorni che i ze stà come un aluvion de lusse.
Sì, son drio imparar cose nove...
Son drio imparar a capir e a sentir el respiro de la luna,
el fià de le stele rampicàe tel ciel,la fiama del fogolar che se smorsa,
el odor de la erba bagnada de rugiada, el tanto che gavea de far
e no go mia bio tempo.
I me òci i piande, pian...
E lora, sento un mal che me toca come un pugno sarà sul cuor
e dopo me sgrafa rento e, dolse la se fa ala e ose che me dise:
“Le ale le ga el color del sol
e de drio del campanil ghe ze na farfala giala mesa indormensà.
Sta ferma ti, co sti pensieri e no aver paura.
El silensio, par ti, ze na s-cianta de poesia.
Meti via de memória i color, vanti che vegna scur.
Ma no sta far gnanca tanto caso dei to òci che i se smorsa pian.
Dassa che i smarisse.
Andemo ti e mi, strucade in amor, tel sufion del vento
a impissar giornade, darghe bianco ai muri,
desbroiàr misèrie, far fiorir pensieri,
desmissiar i sogni, cantar de briscolon picole nina nane al tramonto.
Andemo ti e mi, spander caresse te le malinconie,
portar magnar che sa de bon a la fame,
infassar nuvole tei temporài, incrosar le rasse
e sonar campane te la lengoa madre come fusse cansion.
Mi te traverso come un tunel che va vanti pian...
Son la to anima, sempre in viàio.
Prima che la lusse la se stue rento i to òci,
tien le me ale e giremo el mondo.
Saremo estasià e tuto de ti e de mi diventarà miràcol.”