11.jpg12.jpg13.jpg14.jpg15.jpg16.jpg17.jpg18.jpg19.jpg20.jpg21.jpg22.jpg23.jpg24.jpg25.jpg26.jpg

Italiano

 SOLITUDINE-  Secondo Conc.Letterario - l° lugar-

Gli angeli che dipingono colori dietro alla musica
accolgono il fuoco con tanta intensità
che non vedo più inocenza
nelle sfide che mi completano.
È come se il cuore condannato
non ammettese più l’anima
e cercando perdersi
chiudesse i sentimenti
dove non passa la sapienza.


IO-Secondo Conc.Letterario -3° lugar

Mi piace la fede, gli angeli           
e tutte le cose che accolgono le ore.       
Mi piace il cielo, il silenzio           
e tutte le mani che parlano di Dio.         
Di questo sole, di questi fiumi,           
di questo suolo che cade nelle guerre       
e  confuso, fa degli eredi           
miraggio senza ali.               
Niente da dire della poesia           
mattina del mio sogno       
che iberna dimenticata           
eternamente aggiornata   
di tanto amare.                         
Un amore che atrae gli uguali   
e tutti gli elementi           
compagni  nell dolore,           
con accordi sparsi           
tutto il verbo coniugato           
in uno stesso linguaggio:       
l’amore.           

IMPETO

No livro Poetas Brasileiros
Mi piace                   
quando mi guardi               
con questo sguardo di festa       
e passeggi questi tuoi occhi felini   
sulle mie coscie,               
inclinandoli dopo           
sulle mie parti più nascoste.       
Mi piace               
quando mi arrivi       
e mi prendi per i cappelli               
e mi impedisci di parlare       
con questa lingua bagnata.   
Amo questo tuo corpo               
che canta nascosto           
e impazzisce piano, piano,           
con tutto che dico.           
E vai rinaugurando           
questo amore impastato       
pieno di quotidiani.       
Questa passione che dilacera           
e non sangra,               
riassunto di un grido senza voce   
che porto nella gola.       
Incanto che fascina       
feroce.               
Che mi apre mansa           
e mi curva e geme       
e mi alza in aria.       
E mi prende con queste mani che collano  
istintive come bestie.               
E mi suga uguale ad una arancia       
sorbendo le semenze.       
Fiera di calore, che   mi attizza prima       
senza lasciare alternative.           
E mi tira, senza decenza,       
e mi fecunda in un contatto profano   
lasciando libera questa bestia       
che lancia, traspassa, intriga       
e ti caccia           
in un fuoco di alcova   
pieno di scandali       
ballando e bruciando   
dentro           

 

 
Copyright © 2009 Solange Maria Soccol. Todos os direitos reservados.
Proibido copiar ou reproduzir este material sem autorização.
Criação: Uniserra.Com