11.jpg12.jpg13.jpg14.jpg15.jpg16.jpg17.jpg18.jpg19.jpg20.jpg21.jpg22.jpg23.jpg24.jpg25.jpg26.jpg

Reverências ao odor de terra que trago nas mãos. 

Cansion


NON VUI LAORAR
Data- agosto 1998
Grupo Nossa Senhora da Saúde- Valdir Tomasetto
Localidade- Guaporé- RS

Luni  e p’o, go fato la ciuca
le done le barufa
non voglio lavorar.

Marti e p’o, go perso ‘l martel
e gnanca per quel
non voglio lavorar.

Mercole  e p’o,  metà setimana
Nina  me ciama
non voglio lavorar.

Dobia e p’o, l’è el giorno seguente
gnanca per niente
non voglio lavorar.

Vendre e p’o, l’è un giorno de dolor
l’è morto el Signor
non voglio lavorar.

Sabo e p’o, un giorno de inamoro
gnanca per quel voglio lavorar.

Domenega e p’o,  un giorno de festa
gnanca per questa
non voglio lavorar.

LA MARINA
Data 26 luglio l998
Gruppo Ronco da Serra
Domingos Dorigo
Rua bsoc5e Bonifacio 921- 99 200 000 Guaporé-RS-

La Marina va prender l’acoa in ciesa
la se inzenòcia davanti ala Madona
e la ghe dise non son quela dona
e che mi voglio, che mi voglio invelenar.

El motivo che voglio invelenarme
el motivo el ze l’amante caro
che ze stà quel, ze stà quel che m’à inganà.

Ale sete ze nato un bambinelo
ale oto i lo porta a batesare
e i ghe diseva, oi bambinelo caro
el ghe someia al so pupà.

E cosamai ghe meteremo nome
el so nome se ciama Rafaelo
el sobrenome, el sobrenome el no ghin’à.

Lo ciamaremo oi, de bareta rossa
bareta rossa, bareta rossa, mapim, mapam.

ANDIAM AL EGITO
Data 20 julho 1998
Artimedes Dalla Corte
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

Nina Nineta la barca l’è pronta
col col tramonta noi andiamo a partir
andiamo a partir par ‘ndar al Egito
oh, che bel Egito andiamo a veder.

Andiamo a veder sta gioventu bela
la par na stela caduta del ciel
caduta dal ciel e mandata da Dio
oh caro mio, te voglio sposar.

RADICIO COL POLASTREL
Data 20 julho 1998
Alberi, Darlei e Artimedes Dalla Corte
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

Geri sera coi me compari
geri sera son ‘ndà in filò

Son rivato sora la porta
bona sera, come la va

El primo scagno che lu ‘l ga dito
senteve qua.

Go pareciato la su la tola
i radici col polastrel.

SETE FRATELI
Data 20 julho 1998
Nair Zanetti Tretto e Paulo Tretto
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

Sete frateli, ‘na sorelina sola
fra tuti i sete, volevano maridarla
Volevano maridarla con un giovane cavaliero
e ‘l giovane cavaliero ma lu se la toleva
lu se la toleva ma sempre la bateva
marito, mio marito, perchè mi bati tanto
io ti bato perché sei tanto bela
se mi son bela me serarò in camerela
trè onse de pan al giorno e dopo se beve l’àcoa
quando ze stà trè giorni passà na rondinela
o rondinela cara, prende sta leterina
portala ai miei frateli...
quando ‘à ricevuta nessun voleva leserla
salta quel pì picolo ma lu se l’à legiuta
frateli, miei frateli, prepareve un bon cavalo
che la nostra sorelina è già bela morta
quando ze stà metà la strada sentì el campan sonar
o portantin che porta, metela giu qua in terra...

 

LA MAMA DEL MIO BEN
Data 20 julho 1998
Paulo Tretto
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

La mama de mio ben l’à mandà dire
che su la gradela me vol rustire
e mi go mandà dire che
su la gradela se rustisse i pessi.

LA FORMIGA LA VA SU LA SPIGA
Data 20 julho 1998
Nair e Paulo Tretto
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

Che bel océt che ga la formiga
Che bel ocion che ga el formigon

La formiga la va su la spiga
la prende el granelo
e lontano si va.

Che bela bocheta che ga la formiga
che bruto bocon che ga el formigon

Che bele reciéte che ga la formiga
che bruti recion che ga el formigon

Che bel culet che ga la formiga
che bruto culon che ga el formigon.

AI VENTI NOVE LULIO
Data  julho 1998
Grupo Amici Della Cantoria - Pedro Bortolini
Capela Nossa Senhora da Salete
Serafina Corrêa- RS

Ai 29 luglio, quando matura el grano
è nata ‘na bambina
con rosa e fior in mano

‘E nata in te un boscheto
no è paesana nemeno citadina
è nata in te un boscheto
vicino ala marina.

QUANDO ERO PICINA PICINA
Data 20 julho 1998
Lidia Variani Menegat e Domingos Menegat
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

Quando ero picina, picina
mio papà mi portava a girar
mi diceva Marieta vien grande
mi diceva Marieta vien grande

( che ti voglio maridar)

Grandicela io son benvenuta
al’etàa di sedici ani
una figlia che chiama sua mama
una figlia che chiama sua mama

( o mia mama che stoi a cantar)

LA SALATA
Data 09 agosto 1998
Agostina Bolsoni Menegat e Edilia Bolsoni Menegat (due sorele sposade con due fradei)
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

La salata vien del’orto
e la carne in becaria, lai la
le putele al’ osteria
le putele, la libertà

.........      so putele
che la mama la vi chiama
per ‘ndar nela campagna
a campagna a lavorar.

Passa uno no le saluda
passa naltro e fa lo stesso
l’è passà mio moroseto
no me ‘a gnanca saludà.

Nantra volta che lu ‘ l passa
testa bassa vui tegner
voglio farghelo sapere
che creansa no ghin’à.

Oh cara mama mia
sente el fis-cio del vapore
che io parto e vado via
no so quando ritornerò.
Va de là e di là de quel monte
trovero ‘na fontanela
ghé de àcoa fresca e bela
per rinfrescarme el cuor

Beverò un bicier de àcoa
beverò un bicier de vino
e l’amor del morosino
me lo meto in fondo ai pié

Beverò un bicier de vino
beverò un bicier de rosa
e l’amor de la morosa
me lo meto in fondo ai pié.

L’UCELIN DEL BOSC
Data 09 agosto 1998
Agostina Bolsoni Menegat e Edilia Bolsoni Menegat (due sorele sposade con due fradei)
Distrito de Silva Jardim- Serafina Corrêa- RS

Quel uccelin del bosco
su la campagna bela, rataplan
e quel uccelin del bosco.

E dovresserai volar
su la finestra bela, rataplan
E cosa vi garà portà,
de una letera sì de oro, rataplan

E cosa vi era su
ghe gera su dela mia bela, ratapla

Leia mais:Cansion